Categorie
Dolori mestruali

Cos’è l’endometriosi e cosa la causa? Ecco quali sono i sintomi, la diagnosi e i possibili trattamenti!

Nei nostri precedenti post ci siamo già imbattuti nel termine endometriosi: abbiamo detto che si tratta di una patologia nella quale le cellule del rivestimento dell’utero crescono in altre zone del corpo (come le ovaie o le tube di Falloppio, ma talvolta anche in altre zone) causando di solito molto dolore e non di rado problemi per rimanere incinta o portare avanti una gravidanza.

Oggi parleremo nel dettaglio di questa malattia e ne vedremo insieme le cause, i sintomi e i possibili trattamenti.

Quali sono le cause dell’endometriosi?

Ci sono varie teorie sul perché alcune donne manifestino l’endometriosi e sul perché, quindi, il rivestimento dell’utero cominci a crescere in altre zone del corpo:

  • una spiegazione potrebbe essere la mestruazione retrograda: quando una donna ha le mestruazioni parte del sangue mestruale e dell’utero sfaldato viaggiano al di fuori delle tube di Falloppio, fino a raggiungere la cavità addominale; la mestruazione retrograda avviene in quasi tutte le donne ma non tutte le donne sviluppano poi l’endometriosi: questo potrebbe dipendere dal sistema immunitario di ogni persona
  • le cellule che rivestono l’utero possono crescere anche in zone del corpo molto lontane dall’apparato riproduttivo (ad esempio nel ginocchio); questo fenomeno potrebbe essere causato dal fatto che alcune cellule del corpo possono modificarsi, mutare e diventare dello stesso tipo di quelle che compongono il rivestimento dell’utero
  • un’altra spiegazione possibile è che le cellule del rivestimento dell’utero viaggino attraverso i vasi sanguigni o il sistema linfatico e raggiungono così altre parti del corpo
  • l’endometriosi può anche manifestarsi dopo un’intervento chirurgico (ad esempio una donna a cui viene praticato un taglio cesareo potrebbe avere delle cellule del rivestimento dell’utero attaccate all’incisione addominale, quindi manifesterebbe l’endometriosi all’interno della cicatrice provocata dal taglio cesareo)
  • la componente genetica può giocare un ruolo importante: le probabilità di manifestare questa malattia sono molto più elevate se un familiare prossimo ne soffre o ne ha sofferto a sua volta

Quali sono le conseguenze dell’endometriosi?

Alcune donne affette da endometriosi non manifestano nessun sintomo; altre, invece, possono avere:

  • dolore pelvico
  • dolore addominale
  • dolore intenso durante le mestruazioni
  • dolore durante i rapporti sessuali
  • mestruazioni eccessivamente abbondanti
  • problemi a rimanere incinta o a portare avanti una gravidanza
  • problemi intestinali o urinari

A volte i sintomi sono sempre presenti, altre volte lo sono solo in determinati momenti del ciclo mestruale; anche l’intensità può cambiare a seconda del periodo.

Perché l’endometriosi causa mestruazioni più dolorose?

Quando una donna con endometriosi ha le mestruazioni non sanguina solo dalle cellule e dai tessuti che si trovano all’interno dell’utero, ma anche dalle cellule del tessuto cresciuto al di fuori dell’utero.

Quando il sangue entra in contatto con gli altri organi, specialmente se si trovano nell’addome, può causare infiammazione e quindi dolore.

Perché l’endometriosi porta a problemi di fertilità?

Non tutte le donne che soffrono di endometriosi hanno problemi a rimanere incinte o a portare avanti una gravidanza; tuttavia questa patologia si riscontra nel 20% – 40% delle donne che hanno problemi di fertilità.

L’endometriosi causa una distorsione delle tube di Falloppio che le rende incapaci di raccogliere l’ovulo dopo l’ovulazione; inoltre l’infiammazione provocata dalla malattia può condizionare negativamente il normale funzionamento delle ovaie, degli ovuli, dell’utero e delle tube di Falloppio.

Come si diagnostica l’endometriosi?

Per diagnosticare con sicurezza questa patologia è necessaria una laparoscopia, ovvero un intervento chirurgico minimamente invasivo grazie al quale il medico può guardare nell’addome del paziente servendosi di una piccola telecamera che viene fatta passare solitamente dall’ombelico.

In questo modo è anche possibile prelevare un campione di tessuto con lesione endometriosa e analizzarlo per controllare l’effettiva presenza delle cellule del rivestimento dell’utero.

Come si cura l’endometriosi?

Il trattamento tipico consiste nell’uso di farmaci: questi possono essere semplici antinfiammatori da utilizzare all’occorrenza (durante i giorni del flusso mestruale o quando il dolore si presenta) oppure terapie ormonali come la pillola anticoncezionale o gli antagonisti dell’ormone di rilascio delle gonadotropine che fanno andare la donna in uno stato di menopausa temporanea.

Tuttavia ci sono trattamenti che prevedono anche la chirurgia, ad esempio con un intervento per asportare la lesione endometriosa o il tessuto cicatriziale in modo tale che le ovaie e le tube possano riassestarsi nella loro posizione originale.

La chirurgia, a differenza del trattamento farmacologico, può anche migliorare le chance di rimanere incinta e/o di portare a termine una gravidanza (ma ci sono anche tutta una serie di medicine che possono essere utilizzate per cercare di porre rimedio ai problemi di infertilità nel caso di endometriosi).

Alcune donne che hanno già avuto figli o che non ne hanno avuti ma sono sicure di non volerne decidono di sottoporsi a un’isterectomia e farsi quindi rimuovere chirurgicamente ovaie e utero in modo tale da non avere più problemi associati all’endometriosi.

Tuttavia questa pratica potrebbe dare origine ad altri problemi (la menopausa chirurgica ha effetto anche sugli ormoni che influiscono in maniera determinante sulla salute fisica e psicologica della donna) soprattutto se l’isterectomia viene praticata in giovane età, quindi è necessario parlarne con il ginecologo e avere un quadro chiaro dei vantaggi ma anche delle possibili controindicazioni fisiche e psicologiche di questo intervento.

In conclusione

Sappiamo che i dolori mestruali possono fare parte della vita di una donna; tuttavia non dovrebbero mai essere così intensi da influire in maniera significativamente negativa sulla sua qualità di vita.

Se i dolori dovessero essere così forti da risultare invalidanti e non dovessimo trarre beneficio nemmeno dall’uso di analgesici e antinfiammatori dovremmo fare visita al medico o al ginecologo per approfondire la questione e per valutare un’eventuale endometriosi.

Purtroppo sono ancora tanti i casi di donne che si sono rivolte a professionisti in cerca di aiuto con il sospetto di avere l’endometriosi e si sono sentite dire di avere “semplici” dolori mestruali senza che venisse effettivamente diagnosticata o almeno presa in considerazione l’endometriosi (è noto il caso dell’inglese Katie Beales che ne soffriva dall’età di 14 anni ma che è riuscita ad avere una diagnosi corretta – e a farsi operare – solo 9 anni dopo).

E’ essenziale quindi rivolgersi a personale qualificato e cercare una seconda opinione se lo riteniamo necessario.

Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito mestruazionisenzatabù.it non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti

Di Stella Fumagalli

Classe 1986, scrivo su diversi blog dal 2011.
Sono un'appassionata di scienza, femminismo, animali, film horror e tatuaggi.
Amo leggere, odio cucinare, sono intollerante con chi non tollera.
Stay human.

2 risposte su “Cos’è l’endometriosi e cosa la causa? Ecco quali sono i sintomi, la diagnosi e i possibili trattamenti!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *